top of page

Maison Violet – Malinconia ineffabile



Se potessi avere un superpotere, cosa sceglieresti e perché?

Sono sempre stato affascinato dal concetto di tempo. Mi piacerebbe teletrasportarmi indietro nel tempo, all'epoca in cui veniva creata l'arte del profumo, oppure mi piacerebbe essere immortale e viaggiare nel tempo, sfuggendo alla frenesia e alla pressione degli anni. Proprio come il dipinto di Salvador Dalí, "La persistenza della memoria", la relatività del tempo è una mia ossessione.

Probabilmente, questo è il motivo per cui il profumo è la mia ricerca da sempre: racchiude i ricordi, essendo un ponte tra oggi e ieri. Il ricordo degli odori ha la connettività più forte per il cervello umano. È la sensazione di malinconia che rende una fragranza indimenticabile.

Maison Violet è una casa di profumi tradizionale con un know-how moderno. Mi trasporta indietro alle radici della profumeria francese, offrendo un profumo contemporaneo con una storia vintage.


Fondata nel 1827 dal signor François-Étienne Violet, figlio di un commerciante, la Profumeria Violet ha svolto un ruolo significativo nel plasmare l'industria cosmetica francese. Avendo numerosi brevetti, riconoscimenti scientifici e creativi, incluso uno per il terzo asso del sapone, e un gran numero di riconoscimenti, l'azienda prosperò in varie località parigine. Lo si può trovare in locali raffinati come Rue Saint-Denis, facendo shopping sotto i portici del Grand Hotel, oppure girovagando sul Boulevard des Italien, guadagnandosi la gloria del suo rinomato negozio situato sul Boulevard des Capucines.

Icona rinomata durante la metà del XIX secolo, Viola ottenne il riconoscimento reale come fornitore ufficiale dell'imperatrice Eugenia e della regina Isabella II di Spagna. Il simbolo dell’Imperatrice, l’ape, adornava ogni bottiglia, diventando un marchio di fabbrica. Nel 1858, il negozio adottò il nome "Alla regina delle api - Violet House" per consolidare la sua autenticità.

Il comitato dell'Esposizione Mondiale del 1867 onorò in particolare Louis Claye, allora direttore di Violet, riconoscendo diversi prodotti della Casa.

Dopo l'era di Louis Claye, Violet, sotto la guida di Aaron-Marc Rehns, espanse la sua influenza a livello globale. Nel 1885 l'azienda, oggi una delle più grandi case di profumi francesi, fu quotata alla borsa francese. Avventurandosi nei mercati internazionali, Violet, conosciuta anche come Veolay negli Stati Uniti, si è evoluta in un settore significativo con fabbriche straordinarie con più di 250 lavoratori.

Nonostante decenni di successi, le sfide poste dalle guerre e dalle crisi mondiali rappresentarono una minaccia per la Profumeria Viola, portando alla cessazione dell'attività intorno alla metà del XX secolo. Tuttavia, nel 2017, tre giovani parigini hanno rilanciato l’azienda, dando nuova vita alla sua eredità.

Tre amici, Victorien, Paul e Anthony, hanno deciso di far rivivere l'arte della profumeria francese dalle aule di una scuola di profumo a Parigi. In qualità di nuovi e giovani custodi di Violet, le loro personalità e stili contrastanti, alimentati da una passione condivisa per il profumo e la storia, hanno reso possibile la rinascita del marchio.

Uniti dall'amicizia e dalla sinergia professionale, hanno ricostruito con successo un marchio moderno onorando la ricca eredità di Violet.

L'École Supérieure du Parfum è il luogo dove nasce una grande amicizia. Il sogno di creare la propria casa di profumi si è acceso durante il primo anno di scuola. L'hanno vista come un'opportunità per esprimersi dando priorità alla creatività, ma sapevano che l'esperienza è uno degli ingredienti chiave del successo.

Col passare del tempo, il loro sogno imprenditoriale si è materializzato, portandoli alla Queen Bee Perfumery. Affascinati dalla lunga storia del marchio, hanno deciso di ripristinare Violet. Modernizzando gli elementi classici, hanno dimostrato che la profumeria vintage è un elemento unico che mancava al mondo delle fragranze.

In un mondo frenetico, hanno fatto un respiro profondo e hanno fermato la fretta quotidiana. I tre giovani profumieri preservano l'ispirazione della natura, impegnandosi in cause e valori a loro cari. Nel processo di creazione si assumono una grande responsabilità nei confronti della natura e dell’economia locale. Utilizzando ingredienti naturali e sintetici, preservano l'ambiente offrendo formule di profumo pulite e sicure.

Le squisite fragranze sono presentate in bellissimi design. Minimalista, elegante e chiaro, il packaging dei loro prodotti non danneggia l'ambiente, sia che consideriamo le fragranze, i saponi o le candele.

L'unicità e il fascino della Maison Violet sono moltiplicati da Nathalie Lorson, una delle maestre profumiere più ammirate, che vanta un'esperienza senza pari nel settore e un paio di centinaia di profumi a suo nome. La sua creatività senza pari porta questo marchio a nuovi livelli.

Indossare una delle loro fragranze non significa solo avere un buon odore. È un atto di identificazione con un insieme di valori che risalgono ai tempi in cui etichetta, devozione e nobiltà erano le virtù più alte.

Applicare Maison Violet è il primo passo verso un processo di affinamento della personalità indossando un profumo che incoraggia l'appetito per la bellezza e la devozione.



 

 

Comentários


bottom of page