top of page

SPIRITUM – The Scented Spiritual Experience


Il teologo siriano Sant'Efrem, vissuto nel IV secolo, credeva che la divinità affondasse le sue radici nel profumo. “Attraverso l'olfatto, l'umano e il divino potevano incontrarsi, non faccia a faccia come realtà distinte, ma intrecciati in una comunione dell'essere”. In altre parole, Efrem trovò nell'esperienza sensoriale una conoscenza di Dio che non poteva essere acquisita in nessun altro modo.

Fin dall'antichità molti studiosi dell'antichità credevano che i profumi fossero collegati alle esperienze spirituali più misteriose. A tal fine, proprio come il pane della comunione, il profumo non era una questione metaforica ma un'essenza vitale, centrale nella resurrezione delle anime in paradiso.

Proprio come le credenze religiose, i profumi erano qualcosa di invisibile e ineffabile ma dotato di un enorme potere di suggestione, che oltrepassava i confini del tempo e dello spazio. Le persone hanno sviluppato da tempo idee teologiche, mediche, storiche e persino filosofiche sull'olfatto, che è un senso umano unicamente evocativo.

Non sorprende quindi che nel mondo contemporaneo la spiritualità e il profumo abbiano forgiato un legame così forte nella mente e nell’anima delle persone. Nel 2008, il fornitore di fragranze di nicchia IBI ha lanciato quello che è stato affermato essere il primo profumo "spirituale", un profumo che i suoi creatori affermano, è stato formulato e commercializzato per ricordare a chi lo indossa... Dio. Ma al di là delle ingannevoli trovate di marketing, resta il fatto che la spiritualità e il profumo sono diventati un costrutto frequente dei giorni nostri.

Nella primavera del 2022, Parigi ha visto la nascita di un nuovo marchio, Spiritum, fondato da Jonathan Dufour, un giovane creatore emergente, appassionato di esoterismo e, scusate l'ironia, di spiritualità di tutte le "cose".

Incontrare Jonathan è di per sé un'esperienza spirituale. La sua natura calda e gentile segnala un tipo di empatia molto speciale, superato solo dalla sua competenza nel mondo della profumeria. Ha fondato il suo nuovo marchio al ritorno da un ritiro spirituale effettuato in Perù, nel febbraio 2020. Questo viaggio provvidenziale gli ha rivelato le meraviglie di una connessione senza tempo tra corpo, anima, spirito e profumo.

I rituali sciamanici peruviani coinvolgono molti profumi mescolati a materie prime con l'obiettivo di ripristinare l'originaria relazione intrinseca tra spirito e profumo. Il potere evocativo dei profumi veniva usato, e talvolta anche abusato, nelle cerimonie rituali, quindi la vera maestria sta nel trovare il giusto equilibrio tra gli ingredienti.

Numerus, la prima collezione del brand, si ispira “al legame ancestrale tra numeri, profumi e comportamenti umani”. Non si può dire che questo collegamento sia un territorio inesplorato. Molti profumieri sono stati lì, cercando di trovare ispirazione nei misteri occulti e nei segreti della mente.

Jonathan Dufour ha scelto i rinomati profumieri Bertrand Duchaufour (con un portfolio impressionante di oltre 256 creazioni, la maggior parte delle quali di enorme successo) e Philippe Paparella-Paris (specializzato in profumeria presso la famosa scuola ISIPCA di Versailles) per dare vita alla collezione. Insieme, i profumieri hanno lavorato sui tre ingredienti principali della collezione: salvia, olibano e legno di sandalo.

I nomi delle fragranze sono autoesplicativi e molto poetici, adattandosi perfettamente alla filosofia del marchio: Solar Soul, Astral Twin, Wisdom Universe, Builder of Future, The Guardian Master, Carnal Spirit, Spiritual Explorer, Mystic Warrior e Final Spirit. .

Con la sua nuova collezione, Jonathan Dufour gioca con il concetto di “numerologia del profumo” che invita le persone ad abbinare il numero del proprio percorso di vita a un profumo specifico. L'antica arte della numerologia si basa sul concetto che il valore numerico del proprio nome influenza ambiti della propria vita personale e professionale.

La scienza della “numerologia dei profumi” è piuttosto intricata e complicata da spiegare, quindi non ne parlerò in questo post del blog. Tuttavia, l'esperienza di trovare il tuo numero fortunato che può essere associato a un profumo mi affascina. Come esercizio di scienza e immaginazione, questo gioco ha un enorme potenziale per percorsi esoterici.

Possiamo facilmente calcolare il nostro numero numerologico personale sommando i singoli numeri del giorno, del mese e dell'anno di nascita. Il calcolo matematico è semplice e abbastanza accurato. Quando sommi tutto fino a un numero di una cifra aggiungendo numeri, è il tuo numero personale che, secondo la numerologia, descrive il tuo carattere, sensibilità e missione sulla terra. Quanto è straordinario tutto ciò... Non c'è da stupirsi che la numerologia sia ancora estremamente importante in paesi come la Cina, l'India e altre civiltà così antiche.

In un mondo di ossessioni mercantili e materialismo, consumo eccessivo e disprezzo per la salute del Pianeta, un nuovo marchio come Spiritum è una boccata d'aria fresca. Indossare queste fragranze è come immergersi in una nuova dimensione dove ci vengono ricordate pratiche antiche, connessioni con madre natura. Il favoloso viaggio nell'autoconsapevolezza e nella spiritualità è iniziato con questa collezione e io, per esempio, non vedo l'ora di vedere cosa tirerà fuori Jonathan Dufour dalla sua magica borsa di squisita profumeria.


Komentarze


bottom of page